venerdì 30 dicembre 2011

A proposito di “Cresci Italia”

di
Cesare Sacerdoti

E’ indubbio che l'Italia, ma anche l'Europa e l'Occidente in generale, stiano vivendo un momento molto difficile dal punto di vista economico, ma ancor più dal punto di vista sociale: in questo blog abbiamo sostenuto più volte che quella attuale è solo una delle manifestazioni di una ecologia di crisi che il mondo attuale sta vivendo.
L'atmosfera che si respira in Italia in questo momento è resa ancora più cupa dalle continue notizie negative che provengono dalla nostra situazione economico finanziaria e dai continui annunci di nuovi sacrifici richiesti ai cittadini per evitare il fallimento del paese; e questa sensazione è ancor più acuita dal contrasto con le informazioni che ci venivano somministrate quotidianamente fino a sei mesi fa, quando ci veniva detto che la crisi, ammesso che ci fosse mai stata, era alle spalle. D'altra parte, per dirla come Bruno Arpaia “ormai una notizia è una notizia solo se inocula una sottile dose di paura”.

mercoledì 28 dicembre 2011

Un futuro responsabile

di
Francesco Zanotti


Stamattina, sulla banchina della metropolitana ... Alzo gli occhi verso nuovi schermi da poco installati e vedo uno spot del Governo.
Una ragazza (dolcemente carina, del tipo “acqua e sapone”), seduta su di una scalinata della quale non si vede il contesto (da dove viene, dove porta), con aria spersa. Si guarda intorno come a cercare non sa neanche bene lei cosa e le arriva (non si sa da dove e da chi) un libro. Lo apre (dolcemente, ovviamente) e, poi, sorride non più spersa su di una scalinata che sembra nascere nel nulla e nello stesso nulla scendere. Appare una scritta: Diritto al futuro …
E la pelle mi si accappona, il sangue mi sale alla testa …
Ma come, il futuro è un diritto che qualcuno graziosamente concede ai giovani o crudelmente glielo toglie??? Ma dai...

martedì 27 dicembre 2011

Non ci sono idee o non le si vogliono ascoltare?

di
Francesco Zanotti


Sul Corriere della Sera di oggi trovo un nuovo articolo del Prof. Sartori dal titolo: Una politica a corto di idee.
Accidenti, ma a me sembra che quello che manca non siano le idee, ma la voglia di ascoltarle.
E non solo da parte della classe politica, ma anche di tutta la classe dirigente.
Nel mio piccolo ho proposto almeno tre idee nuove e scientificamente documentate.

giovedì 22 dicembre 2011

Riflessioni su Novecento

SSamira Tasso
di
Saira Tasso
s.tasso83@gmail.com

                                                                      
                                                                                                                                                                                       
Ieri, ho assistito a teatro allo spettacolo Novecento, interpretato da Corrado d’Elia. La storia, incredibile e fantastica scritta da Baricco, è quella di un pianista, il più grande pianista del mondo, nato su una nave dov'è vissuto per tutta la vita, senza mai scendere.
Questa favola magica e commovente mi ha sempre colpito e fatto riflettere. Perché il pianista più bravo del mondo non vuole scendere dalla nave dove vive come in una prigione?
Il protagonista a un certo punto inspiegabilmente decide di scendere da quella nave, ma al terzo gradino torna indietro e passa sul piroscafo il resto della sua vita fino a farsi esplodere con esso. “A me m’ha sempre colpito questa faccenda dei quadri. Stanno su per anni, poi senza che accada nulla, ma nulla dico, fran, giù, cadono. Stanno lì attaccati al chiodo, nessuno gli fa niente, ma loro a un certo punto, fran, cadono giù, come sassi... Non si capisce. È una di quelle cose che è meglio che non ci pensi, se no ci esci matto…Quando cade un quadro. Quando ti svegli, un mattino, e non la ami più. Quando apri il giornale e leggi è scoppiata la guerra. Quando vedi un treno e pensi io devo andarmene da qui. Quando ti guardi allo specchio e ti accorgi che sei vecchio. Quando, in mezzo all’Oceano, Novecento alzò lo sguardo dal piatto e mi disse: -A New York, fra tre giorni, io scenderò da questa nave.-"
Anche il nostro quadro è caduto, è scoppiata la crisi finanziaria, politica, sociale, scientifica, ed una crisi più intima e personale dell’identità di ciascuno di noi. Ma noi,al terzo gradino, siamo tornati indietro e preferiamo rinunciare ai nostri desideri, alle nostre speranze e lasciarci esplodere.
Non riusciamo a vivere una vita che sembra più grande di noi e cerchiamo di colmare i vuoti che ci impediscono di esistere con suoni e balli, osannando la cultura dell’enjoy a tutti i costi. Solo che le musiche che suoniamo non sono quelle del pianista più bravo del mondo ma strimpellamenti sgraziati o rumori assordanti. I quadri cadono, scoppiano le guerre, decadono le certezze e i nostri sogni svaniscono, la nostra arte si impoverisce,ma noi ridiamo e ci divertiamo, perché sembra non importarci.
Oggi vogliamo scendere da questa nave e guardare al mondo con altri occhi. Vogliamo imparare a comporre melodie bellissime e mai ascoltate e a condividerle con il mondo. Vogliamo vivere una vita diversa, che permetta di esprimere le infinite potenzialità che ci sono dentro di noi, senza rinunciare a realizzare la nostra essenza. Per farlo dobbiamo studiare su nuovi spartiti, dobbiamo imparare a conoscere il mondo e a rispettarlo. Solo allora le nostre note saranno in armonia con esso e invece di distruggerci ci arricchiranno.

lunedì 19 dicembre 2011

Non posso essere più in disaccordo


di
Francesco Zanotti

Sul Corriere della Sera di oggi trovo un articolo del Prof. Sartori dal titolo: “Merito e selezione per salvarci tutti”.
E’ difficile trovare un articolo sul quale io sia più in disaccordo di questo. Cito solo i punti del disaccordo. Se a qualcuno interesserà un approfondimento…
Il primo punto di disaccordo è che l’articolo si basa su di un’ipotesi oramai falsificata da tutta la conoscenza sistemica: che la democrazia rappresentativa (non la democrazia tout court) possa governare una società complessa. Contestato questo principio, cade tutto il discorso delle élite.
Lascio stare la polemica sul ’68, che è di una superficialità rara, e passo al contestare il concetto di base della meritocrazia: le selezione. E’ il residuo di una concezione riduzionistica del mondo.
In pratica, della convinzione che esista uno standard umano ottimale a cui riferirsi per misurare quanto più o quanto meno una persona gli si avvicini. Credo che tutte le scienze umane e naturali stiano urlando che pensare che esista questo standard è una sciocchezza. Come è una sciocchezza pretendere di misurare alcunchè di profondo (conoscenze, competenze, emozioni etc.) della persona umana. Credo che la scienza che urla più forte in questa direzione sia la fisica.
Ma non voglio farla così complicata. Invece della fisica, cito solo una scienza “di dettaglio”: la docimologia. E’ la scienza della valutazione scolastica. Provate a leggere qualcosa di questa “scienzuncola” e vedrete che è ridicolo il solo pensare di aver criteri oggettivi di valutazione di qualunque cosa che abbia a che fare con la complessità umana.
Quindi, che fare? Abbandonarsi alla immeritocrazia? No certo! Il cosa fare (almeno una direzione lungo la quale riflettere e progettare) lo abbiamo scritto abbondantemente, diffusamente in questo blog.
Infine, il finale … viva i tecnici: “il governo Monti è l’unica chance di salvezza che ci resta”. Ma su questo finale ho già scritto un blog.

giovedì 15 dicembre 2011

Un Professore senza allievi e senza scienza


Sergio Romano nell’articolo di fondo del Corriere di oggi sembra cadere nel mito del “Santo Subito”. Il Prof.
Monti è il Santo che arriva nella terra dei barbari (alcuni barbarissimi come la Lega) e diffonde sapienza, buon senso e umorismo. La Verità, insomma. Ma gli allievi non accettano il suo insegnamento. Alcuni, come i signori della Lega, si permettono di contestarlo, come si faceva a scuola ai miei tempi …Io credo che l’Ambasciatore Romano sia banalmente caduto in un equivoco. Ha semplicemente confuso la sua affinità di stile, di cultura e di casta con il Prof. Monti con la Verità. A lui appare verità quello che propone il Prof. Monti perché “riconosce” le sue parole.
Ambasciatore, non basta che Ella “senta” che il Prof. Monti proponga la verità perché sia davvero la verità. Come certo saprà, l’evidenza non è un criterio di valutazione epistemologicamente fondato.
In realtà, quello che propone il Prof. Monti è bel lontano dall’essere la verità. E’ solo il frutto dell’applicazione di una pseudo scienza alla realtà attuale con la pretesa che questa pseudo scienza permetta di capire ed intervenire.
La pseduscienza è l’economia che, ostinatamente, cerca di scimmiottare la fisica classica, considerandola un modello assoluto di conoscenza. E’ una sciocchezza pensare che il riduzionismo della fisica classica possa permettere di capire le dinamiche economiche, sociali e politiche. Le faccio un solo esempio. Cito dal testo del Suo articolo“ (Monti) ha spiegato che certe misure richiedono uno studio accurato dei loro effetti … ". Egregio Ambasciatore, la scienza economica attuale non è assolutamente in grado di prevedere gli effetti di un qualunque cambiamento economico, sociale, politico o istituzionale. Non solo, tutta la nuova conoscenza (sia nelle scienze naturali che umane) sviluppata nel ‘900 ha convenuto che questa capacità di previsione (tecnicamente: di calcolo) non può esistere.
Egregio Ambasciatore, solo un meccanico esperto riesce a capire perché una bicicletta non funziona e ripararla. La società è diversa da una bicicletta. Ed allora perché speriamo che con il dare la bicicletta Italia in mano al Prof. Monti (un tecnico, cioè un “meccanico”), questi ce la restituisca funzionante?
Io non sono leghista ed anche a me danno fastidio gli esibizionismi chiassosi e primitivi. Ma non posso dimenticare che noi liceali chiassosi avevamo ragione nel protestare contro insegnanti paludati di quasi nulla.
A noi nessuno aveva dato una conoscenza diversa e ci siamo dovuti arrangiare a costruirla. Certo ci siamo riusciti male. Ma oggi questa conoscenza esiste: dalle scienze naturali alle scienze umane si continua a ripetere che il banale riduzionismo della fisica classica non ha niente a che vedere con i sistemi biologici, economici, sociali.
Perché ostinatamente continuiamo ad ignorare questa nuove conoscenza, rimestando noiosamente (e dannosamente) i modelli di analisi e di intervento tipici delle scienze ottocentesche sperando che nasca il mondo del nuovo millennio?

mercoledì 7 dicembre 2011

Prof. Zingales … un po’ meno Ok!

di
Francesco Zanotti


Sul Sole 24 Ore di oggi il Prof. Zingales invita il Premier Monti ad una svolta culturale. Essa si sostanzia in tre provvedimenti. Il primo è mettere l’ICI anche sugli immobili non di culto della Chiesa, il secondo è un regolamento che spieghi come e quando le banche potranno godere di garanzie dello Stato. Il terzo più che un provvedimento è un invito al Ministro Passera perché venda le azioni che possiede di Intesa San Paolo.

Posso dire che usare l’espressione “svolta culturale” per questi tre provvedimenti mi sembra eccessivo?
Condivido che sia necessaria una svolta culturale, ma credo sia necessario riempire questa espressione di altri contenuti. Provo ad indicarne alcuni come esempio, come si può fare in un blog. Chi volesse dare una occhiata alla nostra proposta di “cambiamento culturale” potrebbe scaricare dal blog il manifesto della nostra Associazione per l’Expo della Conoscenza.

lunedì 5 dicembre 2011

Prof. Rossi, Ok! Sfiduciamo i mercati

di
Francesco Zanotti

Sul Sole 24 Ore di domenica Il Prof. Guido Rossi ha scritto un articolo del quale c’era molto bisogno: una voce in controtendenza rispetto ad una ortodossia “economica” asfissiante che impone sacrifici irragionevoli che minano letteralmente il futuro.

Cosa dice il Prof. Rossi? Riferisce di una sentenza  del giudice Jed S. Rakoff della District Court di New York che rigetta un accordo tra Sec e Citigroup col quale quest'ultima era pronta a pagare ben 285 milioni di dollari per far cadere l'accusa di illecite operazioni sui mercati finanziari.
La ragione? Non ha riconosciuto alla Sec il diritto di essere l’unica a poter individuare nei mercati finanziari quale fosse il pubblico interesse. Ed ha dichiarato che quell’accordo non era nel pubblico interesse. Punto!

La conclusione del Prof.Rossi “… ad evitare le rivoluzioni il legislatore nazionale, il legislatore europeo, financo quello globale dovrebbero, invece che cercare di sedurre i mercati con politiche di austerità, disciplinare prima rigorosamente lo scomposto e caotico mondo dell'opaca finanza, dominato dall'oligopolio delle agenzie di rating, per poter veramente proporre scelte politiche adeguate ad eliminare le diseguaglianze.”
Applausi! Finalmente.

Sull’onda di quanto scritto dal Prof. Rossi, vado avanti e riprendo un tema già trattato in questi blog, ma mai troppo ...


Come non dobbiamo lasciare tutto in mano ai “mercati” (che, poi, non si sa bene chi o cosa siano) così non dobbiamo lasciarci soggiogare dalle leggi dell’economia. Lo ripeterò fino a quando non sarò riuscito a generare consapevolezza e progettualità al proposito: non esistono le leggi dell’economia. Esistono proposizioni, più o meno coordinate, non condivise che non hanno certo il diritto di chiamarsi leggi e che non hanno nulla di scientifico. E noi oggi ci lasciamo sballottare da queste pseudo leggi … e da economisti che fanno di queste leggi quasi leggi di natura che dovrebbero governare il nostro presente ed il nostro futuro. Queste stesse “leggi” che ci spingono verso un’austerità che tanto più è rilevante tanto più genererà recessione.
Dobbiamo aprire un dibattito sull’economia … L’ho scritto, ma mi rendo conto delle difficoltà: come fate a coinvolgere in un dibattito serio (epistemologico) sull’economia personaggi come Alesina e Giavazzi, che usano queste presunte leggi per auto proclamarsi profeti?
Non solo non esistono leggi, ma le dobbiamo progettare: tutti insieme, scegliendo quelle capaci di costruire sviluppo.

venerdì 2 dicembre 2011

Cosa necessiterebbe … Ovvero: due proposte inascoltabili

di
Francesco Zanotti

Sì, secondo me non è necessario fare nessuna delle cose di cui si sta discutendo in questi giorni per uscire dalla crisi. E' che, probabilmente, non si faranno o scateneranno fortissime opposizioni sociali.

Ovviamente questa mia proposta non potrà essere ascoltata oggi, ma solo quando la situazione di crisi sarà arrivata ad essere così grave che qualcuno inizierà a chiedersi se non sia necessario provare a cambiare il paradigma col quale si guarda al mondo e si progettano soluzioni per le cose che non vanno.

Non potrà essere ascoltata, ma io la devo fare lo stesso. Quando verrà il tempo in cui potrà essere ascoltata sarà bell’e pronta. E magari riuscirà a fare arrivare prima il momento in cui verrà presa inconsiderazione.

Cosa ritengo importante fare?
Una cosa tattica e una cosa strategica.

La prima, quella tattica, è decidere una politica mondiale della moneta. Tutti hanno visto che l’unica arma che ha funzionato in questi giorni è stato l’intervento coordinato delle banche centrali. Solo un piccolo intervento coordinato, mica una politica mondiale della moneta, ma ha funzionato. Poteva essere fatto molto prima, ma meglio tardi che mai. Ha funzionato un piccolo coordinamento, Immaginate una politica mondiale. Forse, questa non potrà essere fatta nel breve, ma un coordinamento tra le politiche monetarie dei maggiori blocchi economici, sì. Quello possiamo continuarlo e rafforzarlo.

La seconda cosa (questa strategica) è quella di rimettere in moto i processi che danno senso alla moneta: i processi di produzione di valore di individui e imprese. Rimettere in moto i meccanismi che hanno generato i Miracoli Economici ed i Rinascimenti. Per fare questo non servono politiche di incentivi, serve buttare nella società una diversa visione del mondo, rispetto a quella che ha generato la società industriale. Oggi questa nuova visione del mondo esiste sparsa e dimenticata. Occorre raccoglierla e coordinarla. Ecco la nostra proposta dell’Expo della Conoscenza. Il solo buttare nella società questa visione del mondo rilancerà quella nuova e più intensa imprenditorialità (una imprenditorialità aumentata, diciamo noi) economica, sociale, politica ed istituzionale che, sola potrà produrre un rilevante nuovo valore che potrà dare senso all’emissione di nuova moneta.

mercoledì 30 novembre 2011

Ho partecipato ad un incontro con Piero Ostellino

di Cesare Sacerdoti
c.sacerdoti@cse-crescendo.com

Ho partecipato ad un incontro con Piero Ostellino organizzato dal Rotary Arco della pace (22 novembre 2011). Credo importante proporre una mia sintesi del pensiero di Ostellino perché egli ci ha proposto un punto di vista sulla crisi e sul Governo Monti che è diverso da quello un po’ stereotipato e noioso che leggiamo tutti i giorni sul giornale.
Seguirà un Commento di Francesco Zanotti che aggiunge la nostra visione della crisi che è altrettanto alternativa a quella di Ostellino, e non è ad essa contrapposta, ma complementare.
Ecco la mia sintesi del pensiero di Piero Ostellino.

martedì 29 novembre 2011

Né decidere né concertare

di
Francesco Zanotti


Oggi ho letto con amarezza e sgomento un articolo di Dario Di Vico sul Corriere, in prima pagina. Mi scuso da subito con Dott. Di Vico che seguo ed apprezzo: la mie parole saranno dure. Ma sui contenuti, non certo sulla sua Persona.

Egli sostiene che, certo, bisogna ricostruire il rapporto tra parti sociali ed il governo, il modello dei corpi intermedi, ma ora occorre fare subito alcune cose urgenti. A cambiare il mondo ci si penserà dopo, quando quello che viviamo oggi sarà sopravvissuto. “Meglio decidere che concertare” titola il suo articolo.

Pensiero apparentemente saggio, forse un po’ “scarica ansie”, ma che rivela quella che a mio parere è la vera causa della crisi: il cercare di comprendere e gestire una società complessa usando la cultura scientifica dell’ ‘800.

Ma che c’entra la cultura scientifica?

sabato 26 novembre 2011

Lettera aperta a Roberto Napoletano

di
Francesco Zanotti

Egregio Direttore,
ho letto il suo articolo di fondo sul Sole 24 di oggi.
Il titolo riassume eloquentemente il suo pensiero: “Il Ritardo in casa del Professore”.
Appena si è insediato il Governo Monti, ho scritto un post sul nostro blog
dove spiego quali sono le ragioni per le quali il Prof. Monti non può che fallire.
Credo non abbia avuto occasione di leggere in nostro blog. Mi permetto allora di sottoporlo pubblicamente alla sua attenzione e chiederle una Sua opinione in merito.
Se le ragioni che io propongo a sostegno della tesi che è inevitabile che il Governo Monti fallisca si riveleranno effettive, allora tutto il dibattito intorno alla crisi ed alle soluzioni per uscirne sarà da riscrivere.
Un cordiale saluto
Francesco Zanotti

lunedì 21 novembre 2011

Perché il top management è disinteressato alla conoscenza?

di
Francesco Zanotti

Considero top manager un Signore che ha la responsabilità del Governo complessivo di un sistema umano: da un’impresa ad un Paese.
Bene coloro che hanno responsabilità complessiva di Governo non hanno alcun interesse alla conoscenza. Intendo alla nuova conoscenza che emerge ogni giorno in una società complessa. Lo dimostrano due fatti.

Il primo è che il tempo che dedicano all’aggiornamento del loro patrimonio di conoscenze è molto scarso.

La seconda ragione è che nei loro progetti (i loro racconti strategici) e nelle loro azioni usano una conoscenza antica ed inadatta ad una società complessa. Usano come filosofia di relazione con il mondo il modello della meccanica classica che è adatto a Governare società semplici. E dimenticano totalmente di dare una occhiata alla rivoluzione quantistica che propone una visione opposta del mondo a quella della meccanica classica ed è adatta a governare una società complessa.

La “scusa” per il disinteresse alla conoscenza è quella della mancanza del tempo: il “day by day” uccide ogni desiderio di conoscenza. Purtroppo si tratta di una scusa auto costruita. E’ proprio l’utilizzo del metodo di Governo suggerito dalla visione “classica” del mondo che genera, in una società complessa, l’emergere di mille urgenze. Esse rappresentano la ribellione di una società ricca, complessa, autonoma che resiste sempre di più al tentativo di ingabbiarla in sistemi umani visti come macchine che hanno bisogno di autisti e meccanici. Una società complessa vuole esser vista come una rete di attori protagonisti capaci di costruirsi autonomamente la loro identità. Che abbisognano di qualcuno che li aiuti ad evitare che questo loro processo di sviluppo autonomo finisca nel buco nero dell’autoreferenzialità.

Discorso troppo generale? Certamente sì! Ma è un post …
Se qualcuno fosse interessato a capire la differenza tra una visione del mondo ed una modalità di Governo di tipo classico e la visione e il governo quantistici mi scriva o segua le nostre attività.

giovedì 17 novembre 2011

Il prof. Monti non può che fallire … purtroppo

di
Francesco Zanotti

Ne ho già parlato negli ultimi due post. Ma forse mai così direttamente. Lo voglio fare perché, quando veramente sarà evidente il fallimento, si potrà discuterne in forme nuove. In modo da evitare che al successore di Monti accada la stessa cosa.

Perché non può che fallire?

Innanzitutto, perché il programma che si propone di realizzare non ha nessuna influenza sulle cause della crisi attuale. Non siamo di fronte ad una crisi finanziaria, ma alla crisi di un modello di società. Il programma del nuovo governo non vuole avviare un processo di progettazione di una nuova società, ma vuole cercare di far funzionare meglio la società attuale. Compito impossibile anche (certamente non solo) per banali limiti fisici. La natura non sopporta un’ ulteriore crescita dell’attuale società industriale.

Poi perché la conoscenza da cui parte (l’economia) è una pseudo scienza che vuole scimmiottare, irragionevolmente, la fisica classica. Si tratta di un corpus di conoscenze da ricostruire integralmente. Da ricostruire perché suggerisce azioni di ristrutturazione, invece che di riprogettazione.

Ancora: perché non ha cambiato il metodo di governo. E’ vero che si propone di consultare, far partecipare, ma sono buone intenzioni generiche. Il Governo di una società complessa richiede che chi governa avvii processi di creazione sociale di nuove realtà. Con tutto il rispetto, la formazione e le esperienze del Prof. Monti non hanno nulla a che fare con i processi di creazione sociale. Voglio dire che, anche se le cose che vuole fare fossero corrette, non riuscirebbe a farle per “incompetenza processuale”.

Da ultimo, non ci riuscirà perché nessun grande sviluppo può nascere da sacrifici (proposte da una classe dirigente che non farà alcun sacrificio) e azioni impopolari. Un grande sviluppo nasce da un movimento di popolo che si incammina verso una nuova storia. E certamente non sarà il Prof. Monti a risvegliare la voglia di un futuro diverso in un popolo che oggi sembra davvero un volgo disperso.

lunedì 14 novembre 2011

Cambiamo conoscenza invece di cambiare burocrazie

di
Francesco Zanotti


Nell’affrontare la crisi che ci pervade stiamo sbagliando analisi e strategia.
Analisi: non stiamo vivendo le conseguenze di una crisi finanziaria. Stiamo vivendo la crisi di un intero modello di società: la società industriale.
Strategia: non dobbiamo riformare il modello della società industriale, farlo funzionare meglio: dobbiamo, cambiare questo modello.

Per cambiare modello sociale, dobbiamo cambiare le basi di quello vecchio. Se non cambiamo le basi, ogni riforma diventa solo un rimescolamento, quindi, una strategia di conservazione.

Quali sono le basi della società industriale? Sono costituite da quella visione della scienza che trova la sua massima espressione nella meccanica classica e che è diventata la filosofia di fondo, il linguaggio, il modo di ragionare, la mappa cognitiva della società industriale. Usando un’espressione più “popolare”: gli occhiali della società industriale. La visione classica della scienza è un fondamento così pervasivo che ambedue le interpretazioni estreme della società industriale (il capitalismo ed il collettivismo) sono fondate su di essa. Sono società “classiche”.

Cambiare le basi della società industriale non è difficile: basta non chiudere gli occhi ai progressi della scienza. Così facendo, si scopre che da tutte le scienze sta piano piano emergendo una nuova visione del mondo che, credo, si posa definire “quantistica”. Questa nuova visione del mondo potrà essere il “linguaggio” fondamentale per progettare una nuova società.

Coraggio: cambiamo conoscenza, invece di cambiare burocrazie.

giovedì 10 novembre 2011

Non basta la persona. Servono visione, metodo, conoscenza … diversi

di
Francesco Zanotti


Oramai sembra chiaro che a provare a guidare il prossimo Governo sarà Mario Monti. Nessuna riserva sulla sua qualità umana, ci mancherebbe. Ma una persona colta, equilibrata con alto senso dello Stato e del bene comune, come è il Prof. Monti, non basta.
E se poi anche lui immagina che il televisore sia il tradizionale teatrino delle marionette e prova ad aggiustarlo a martellate? Le martellate sono martellate chiunque le meni …

Fuori di metafora, alla persona occorre aggiungere visione, conoscenza e metodo.
Io non propongo certo di fare l’esame al Prof.Monti. ma qualche domanda me la permetto: sulla visione, sul metodo e sulla conoscenza.

Sulla visione e sulla conoscenza.
Crede il prof Monti che esistano soluzioni, strategie inevitabili per fare uscire tutti noi dalla crisi e il problema sia solo quello di convincere litigiose forze politiche con scarso senso dello Stato a piantarla con le baruffe chiozzotte e adottare queste soluzioni, queste strategie?
Oppure pensa che non esistano soluzioni già individuate, ma sia necessario attivare un intenso processo di creazione sociale per individuarle?
La differenza tra queste due prospettive non è banale. A me sembra che tutta la conoscenza attualmente disponibile sui processi di evoluzione e sviluppo dei sistemi umani porti a credere che le soluzioni, le strategie immaginate da qualunque classe dirigente, non possano essere altro che manifestazione di autoreferenzialità. Non possono essere comprese e realizzate da chi non fa parte della classe dirigente che le ha prodotte. E se anche fossero realizzate non sarebbero efficaci.

Sul metodo.
Oggi, nella discussione politica, per metodo si intende qualcosa di molto generale. Tanto è vero che si descrive il metodo attraverso valori o slogan generali: equilibrio, senso dello Stato, partecipazione o concertazione. E via dicendo.
Credo che occorra essere più specifici.
Se si pensa che esistano le soluzioni, ma bisogna convincere i poco saggi a metterle in pratica, allora si usa la metodologia della persuasione, della negoziazione, del richiamo ai valori. Si butta in campo la propria autorevolezza personale, si chiede aiuto a qualche potere superiore. L’Europa, ad esempio. Come se l’Europa fosse un vecchio saggio che dispensa consigli ai nipoti e non un sistema complesso di visioni e di interessi autoreferenzialmente chiuso che ha come unico obiettivo (ma ogni sistema autoreferenziale può avere solo questo obiettivo) affermare la propria identità.
Se si pensa, invece, che occorra progettare socialmente soluzioni allora occorre usare metodologie di progettazione sociale. Quali pensa di usare il Prof.Monti?

Ancora sulla conoscenza.
Il credere che esistano soluzioni e strategie inevitabili e che basti convincere tutti ad applicarle è frutto di una visione della società che ha come modello ideale di conoscenza la meccanica classica.
Purtroppo (o per fortuna) una società non è classica, ma quantistica. Soprattutto quella italiana. E’ fatta di mille luoghi (modellizzabili attraverso il vuoto quantistico) che continuamente producono potenziali novità. E’ fatta di attori imprenditoriali che catturano alcune di questa potenzialità e, realizzandole, costruiscono imprese, gruppi etc.
In una società, proprio perché è quantistica, si attivano processi emergenti che, soli, possono costruire disegni di futuro condivisi e realizzabili.
Il governare, quindi, non può significare cercare di semplificare per legge questa complessità e incanalarla il soluzioni etero progettate. Si scatenano solo conflitti.
Da quale visione “sistemica” (classica o quantistica) della società parte il Prof.Monti?

Se egli pensa che la società sia classica, che le strategie e le soluzioni esistano e basti applicarle, allora ci avviamo allegramente a costruire ulteriori e più gravi guai.
Se attiverà un grande processo di progettazione sociale (usando le metodologie disponibili di cui abbiamo a lungo parlato in questo blog) per costruire un nuovo ed emozionante Piano di Sviluppo del nostro paese, allora riusciremo a costruire un nuovo Rinascimento per noi e per il mondo.

martedì 8 novembre 2011

Esame di coscienza o produzione di valore. Lettera aperta al Direttore del Sole 24 Ore

Egregio Direttore,

ho letto stamattina (8 novembre 2011) il suo richiamo sul giornale che dirige ad un esame di coscienza collettivo della classe politica e il suo invito ad un Governo fatto di persone che “aiutino il mondo a percepirci come seri e credibili ed abbiano alle loro spalle il sostegno determinato, magari a termine, della politica italiana”.

Apprezzo, ma mi sembra … poco.

Le propongo una strada più … ecco … precisa. Purtroppo, credo, inaudita ed inascoltabile dalla attuale classe politica e mediatica. Dobbiamo ancora fare qualche altro passo nella giungla della crisi per accettare di cambiare i nostri schemi di riferimento, le nostre conoscenze.

Anche se inaudita ed inascoltabile, questa strada gliela propongo lo stesso. Mi permetto di pubblicare questa lettera aperta sul nostro blog e di mandarla a qualche opinion leader per avviare un dibattito nuovo nei contenuti e nelle speranze .

Credo che l’ “urgenza più urgente” sia quello di riavviare il meccanismo di produzione di valore del nostro sistema industriale ed economico. E’ ovvio che se ci si riuscisse il problema della disoccupazione, della stabilità delle banche e delle risorse per costruire infrastrutture, per migliorare il sistema formativo del welfare sarebbe risolto. Si avvierebbe anche un processo di riduzione del debito pubblico. Mi lasci usare un paradosso (che poi voglio trasformare in speranza, indicando come fare a realizzarlo): se in Italia ci fossero 50 Apple, con la capacità di produrre valore della Apple, la pianteremmo di tirare una coperta sempre troppo corta.

Come fare a riavviare il meccanismo di produzione di valore?

Cambiando il rapporto banca-impresa. Mi spiego. Perché il nostro sistema industriale ed economico aumenti la sua capacità di produrre valore è necessario che le imprese riprogettino profondamente le loro identità. Non basta l’innovazione tecnologica. Anzi il continuo ed insistito richiamo alla innovazione tecnologica rischia di essere un alibi per tutti. Anche per gli imprenditori che possono dire: ma se lo Stato non ci dà le risorse …


La riprogettazione delle imprese non deve essere fatta con l’obiettivo della competitività. Ma con l’obiettivo di uscire dal pantano della competizione. Con l’obiettivo di costruire originalità ed unicità. Una strategia “imprenditoriale”, capace di creare nuovi mercati. Come ha fatto Steve Jobs, appunto. O per rimanere a casa nostra, come ha fatto la FIAT con la prima 500.

Come fare perché le imprese riescano compiere questa rivoluzione imprenditoriale? Occorre fornire loro conoscenze. In particolare le conoscenze e le metodologie di strategia d’impresa per valutare quanto sono invischiate nel pantano della competizione e per progettare la via per uscirne.
Chi può fornire alle imprese queste conoscenze e metodologie? Io credo non possano che farlo le banche perché ne hanno un diretto interesse. La prossima grande crisi sarà generata dall’attuale trend di perdita della capacità di produrre valore delle imprese. Se non si avvia un trend di riprogettazione profonda l’attuale trend non si ferma, ma peggiora. E le banche si troveranno a non riuscire ad affrontare tutte le sofferenze che si genereranno. E, quindi, diverranno un altro assorbitore di risorse che, a quel punto, non si sa chi potrebbe produrre.

Ovviamente le banche si dovranno dotare di queste conoscenze e metodologie perché attualmente non ne dispongono. Anzi, dovrebbero avviare un grande progetto di ricerca per migliorare le conoscenze e le metodologie di strategia d’impresa.

La proposta che ho avanzato è solo un ologramma di una proposta più generale che riguarda la conoscenza. I lettori del nostro blog la conoscono: si tratta dell’Expo della conoscenza.

Le propongo una sintesi “estrema” di questa proposta più generale e le mando, come approfondimento, il Manifesto della Associazione per l’Expo della conoscenza (APEC) che ha, appunto, l’obiettivo di realizzare l’Expo della conoscenza.

Davvero in estrema sintesi: noi siamo la visione del mondo (i modelli ed i linguaggi di cui disponiamo) che utilizziamo. Oggi le nostre classi dirigenti utilizzano una versione ideologizzata della visione delle “sensate esperienze e certe dimostrazioni” di Galileo. Detto diversamente, il nostro modo di guardare al mondo e di ragionare sul mondo è quello della meccanica classica. Questa visione del mondo ha generato la società industriale, ma ora questa società ha esaurito il suo ciclo vitale e serve progettarne un’altra. Per progettarne un’altra non si può, però, partite dalla stessa visione del mondo che ha generato quella attuale: occorre cambiarla. Nel corso del XX secolo (ma anche nel secolo precedente) sona nati, proprio all’interno delle due scienze “fondamentali” (la matematica e la fisica), i prolegomeni di una nuova visione del mondo: dai teoremi di incompletezza alla fisica quantistica. Questi stimoli iniziali hanno poi fecondato tutte le altre scienze naturali ed umane. Oggi tutte queste stille di “innovazione concettuale” sparse in ogni scienza stanno coagulandosi in una visione del mondo radicalmente “diversa” da quella che sta a fondamento della società industriale. Essa può permette alle classi dirigenti di sviluppare una visione “diversa” della società e della Natura e suggerire “diverse” forme di Governo della società e della natura.

Come, per far si che i nostri imprenditori ricostruiscano la loro capacità di produrre valore, occorre fornire loro nuova conoscenza (le conoscenze e le metodologie di strategia d’impresa), così occorre fare anche con tutte le nostre classi dirigenti. Occorre fornire loro la nuova visione del mondo che sta emergendo e che costituisce la materia prima per la costruzione di una nuova società.

E’ possibile raggiungere questo obiettivo attraverso un Evento che potrebbe dare il via alla nascita di una nuova imprenditorialità economica, sociale, politica, istituzionale, culturale che abbiamo chiamato, appunto, Expo della Conoscenza e che trova descritto nel Manifesto della nostra Associazione.

Ritengo che questa mia visione/proposta meriti di essere diffusa e dibattuta. Le chiedo la possibilità nei modi e nelle forme che Ella riterrà più opportune, di diffondere questa proposta attraverso il suo giornale.

La ringrazio e cordialmente La saluto

Francesco Zanotti
Presidente
Associazione per l’Expo della Conoscenza

venerdì 4 novembre 2011

Terra sconosciuta o conoscenza sconosciuta? Lettera aperta ad Antonio Polito

di
Francesco Zanotti

Egregio Dott. Polito,
ho letto il Suo pregevole fondo di stamattina (4 novembre2011) sul Corriere della Sera dal titolo: “Una terra sconosciuta”.
Se la mia interpretazione è corretta, il suo articolo esplora eventi che le sembrano “strani” ed arriva alla conclusione che “si ha l’impressione di avventurarsi in una terra sconosciuta”.
Le propongo una visione completamente diversa della “stranezza”: ci sembra di addentraci in una terra sconosciuta perché non vogliamo cambiare gli “strumenti concettuali” che stiamo usando. Detto diversamente: questi eventi ci sembrano strani perché gli strumenti concettuali che usiamo non sono adatti ad interpretarli. E ci rifiutiamo di imparare i mille altri strumenti concettuali (di analisi e di progetto) che sono disponibili.

Le faccio un solo esempio di strumenti: la teoria dei sistemi autopoietici ed autoreferenziali.
Usandola si capisce che il continuo riapparire di ideologie, il manifestarsi di prigioni logiche (come applaudire i mercati quando danno addosso a Berlusconi e combatterli quando chiedono sacrifici) e, aggiungo io, l’incapacità attuativa dei Governi sono frutto del fatto che le classi dirigenti sono diventate sistemi autoreferenziali. Questa espressione non vuole essere etica: come siamo cattivi perché siamo diventati autoreferenziali. Ma ha un suo significato tecnico preciso: significa, che i sistemi autoreferenziali sono in accoppiamento strutturale con l’esterno, cioè con la società e con il mondo che dovrebbero guidare. Questo fa sì, da un lato, che il modo in cui guardano la società e il mondo è distorto dagli strumenti concettuali che hanno sviluppato al loro interno. Si tratta di distorsioni molto più gravi di quella della caverna di Platone: si tratta di vere ricostruzioni della realtà che hanno un rapporto casuale con la realtà stessa.
E, poi, significa che i contenuti delle nostre comunicazioni non vanno presi sul serio. Essi sono strumentali, funzionali all’auto rappresentazione ed al posizionamento degli appartenenti al sistema della classe dirigente.

I fenomeni strani sono frutto di accoppiamento strutturale. Le faccio solo l’esempio delle difficoltà realizzative di progetti, proposte. Queste sono generate da “ribellioni” di coloro che dovrebbero attuarle. E queste ribellioni non sono contro i contenuti delle diverse proposte, ma nascono dal modo in cui sono costruite. Sono costruite da poche persone che le voglio imporre agli altri con la presunzione che queste proposte siano “scientifiche”, cioè le uniche possibili. Ma questa pretesa è destituita da ogni fondamento. Le proposte dipendono dagli strumenti concettuali (e che non sono leggi scientifiche) che si usano per formularle. Se vengono fatte da élite dipendono dagli strumenti concettuali di queste élite. Chi li riceve, innanzitutto, li trova incomprensibili perché, inevitabilmente, usa altri strumenti concettuali. Se aggiungiamo che queste proposte sono solo da realizzare (al massimo si possono esprimere opinioni, ma poi decide chi le ha formulate) allora sono proposte che lasciano come unica via di autorappresentazione (l’obiettivo fondamentale dei diversi gruppi sociali) quella della opposizione.


lunedì 31 ottobre 2011

Il conflitto tra giovani ed anziani: una "strategia" disinformata.

di
Francesco Zanotti


Avrei voluto scrivere una strategia frutto di ignoranza, specificando, poi, che l’ignoranza era da intendere in senso “tecnico”: come non conoscenza. Ma avrei attivato rifiuti pregiudiziali e i lettori si sarebbero chiesti da che parte stavo (dei giovani o dei vecchi?).
Allora ho preferito usare un aggettivo meno aggressivo: “disinformato”, appunto.

Ah, credo che il lettore sappia che mi riferisco allo stramediatizzato conflitto tra Renzi e Bersani, ulteriore manifestazione di quel conflitto strutturale tra giovani ed anziani che è inevitabile in una società industriale.

Perché la strategia del conflitto tra giovani ed anziani è frutto di “disinformazione”? La risposta è banale: le scienze cognitive stanno dimostrando con “evidenze” sempre più “evidenti” che le prestazioni del cervello dell’uomo non degenerano (almeno fino a che non interviene qualche  problema fisico), ma evolvono con l’avanzare dell’età. Da giovani si è più portati al particolare, da anziani al generale. Questo significa che giovani ed anziani hanno prestazioni cognitive “complementari”. La disinformazione riguarda la scienza.

Guardano anche solo a livello informativo alle scienze cognitive si scopre, allora, che non ha senso che giovani ed anziani si stiano a scontrare. I giovani hanno bisogno della “saggezza” (è proprio questa espressione che usano alcuni scienziati cognitivi) degli anziani per non perdersi nei confitti o negli specialismi. Gli anziani da soli non possono cambiare alcun che.


Due morali “generali”.
La prima: in un avversario c’è sempre la rivelazione dei nostri errori, dei nostri personali limiti, delle “cose” (valori, issues, profezie) che non abbiamo considerato.
La seconda: una classe dirigente, giovane, vecchia o mista, non può immaginare di cambiare il mondo senza conoscere nulla di come funziona. In questo post ho parlato di scienze cognitive. Ma potevo parlare di fisica quantistica e di mille altre innovazioni in tutte le scienze. Esse sono importanti praticamente (per le innovazioni tecnologiche che generano), ma costituiscono anche (io dico: soprattutto) nuovi linguaggi per parlare dell’uomo e della società. Oggi la nostra classe dirigente (salvo eccezioni, ovviamente) non conosce nulla delle nuove scienze, ma usa, inconsapevolmente, come riferimento concettuale la meccanica classica …
Non illustro ulteriormente questa tesi che è ampiamente discussa in altri post.

Non riesco, però, a non concludere con una serena recriminazione: quando la disinformazione è troppa, diventa davvero ignoranza.

...continua

Ce ne stiamo accorgendo a colpi di crisi ricorrentesi in ogni dimensione dell'umano. E' evidente che dovunque guardiamo c'è qualcosa che, gravemente, non va: lo sviluppo economico, la povertà, il rapporto con la natura, la soddisfazione sul lavoro e le profonde esigenze di realizzare una vita degna... E allora vogliamo smetterla di denunciare il passato? Sta diventando stucchevole cercare l'ennesimo cantuccio della stanza della società industriale e scoprire ancora una volta l'accumularsi di una polvere. E' il momento di lasciar riposare per un po' la denuncia e la protesta anche perché, se siamo onesti, dobbiamo chiederci: ma noi dove eravamo in questi anni?

Vivevamo su Marte e improvvisamente siamo tornati sulla terra ed abbiamo scoperto che quegli inetti di terrestri, dopo la nostra denuncia, non aveva fatto nulla. E tocca ancora a noi risvegliare le coscienze? Certo che no! Noi abbiamo vissuto immersi in questa società. Sono anche le nostre azioni che hanno mantenuta chiusa la stanza. Lasciando accumulare e incancrenire polvere. Viene quasi da dire: l’accumularsi e l’incancrenirsi ci fa comodo perché la nostra unica competenza era il contestare. Visto che sul costruire abbiamo dato tutti pessima prova.
E non si dica che qualche potere forte, da qualche parte ha impedito che le nostre folgoranti idee liberassero la stanza dalla polvere dell’ingiustizia, del privilegio … Quelli che sembrano poteri forti lo sono solo di fronte alla nostra incapacità di costruire alternative.
Cara e vecchia società di tutti noi, dunque. Che ci ha permesso di superare secolari infelicità … Certo non tutte, certo non a tutti, certo non ugualmente, ma molto.
Cara e vecchia società dalla quale ora dobbiamo allontanarci con un pizzico di nostalgia. Portandoci dentro lo zaino che accompagna ogni viaggio tutto quello che di buono ha prodotto.
E con il passo che diventa sempre più baldanzoso a mano a mano che diventa chiaro il luogo, la nuova società verso la quale siamo diretti ..
Ma verso quale luogo vogliamo dirigerci? Quale nuova società vogliamo costruire?
Noi certo non lo sappiamo! Sappiamo solo come fare a costruirla!

Allora la nostra proposta è strana. Non abbiamo soluzioni, linee politiche, idee originali. Ma un metodo con il quale generarle.
Primo passo di questo metodo: cambiamo i linguaggi. Secondo usiamo questi nuovi linguaggi per progettare insieme .. Accidenti, mi rendo conto che mi sto avventurando in un sentiero accidentato …
Allora provo con una storiella. Pensiamo di indossare occhiali verdi e di dover dipingere una parete di un nuovo colore: il verde ci ha seccati. Ai nostri piedi abbiamo una vasta gamma di barattoli di vernice. Ma tutti i colori ci sembrano gradazioni del verde. E, così, piano piano ci sembra inutile ridipingere una stanza di un nuovo colore che potrà essere solo una gradazione di verde. Accidenti ai poteri forti che ci costringono a dipingere sempre e solo di verde …
Ma poi arriva qualcuno che ci convince che un certo barattolo contiene il rosso. Ma apparirà rosso solo quando lo stendiamo sulla parete … Così, spinti da nuova fiducia e dalla voglia di avere nuova fiducia, cominciamo a dipingere. Ma, anche dopo averlo steso sulla parete, quel colore continua ad essere l’ennesima gradazione del verde. Allora la nostra collera e massima: certo solo un grande complotto di qualche potentato molto potente ci può costringere a naufragare in un mare di verde …
Maledetti poteri forti .. .
Così attiviamo un Gruppo antiverde. Che, innanzitutto, continua ossessivamente a dimostrare che tutto è di quel verde che, oramai invece di speranza, sta a segnalare schifezza. E poi cerca di buttare via tutti i barattoli …
Cosa significa partire dai linguaggi e dal metodo per usarli?
Significa togliersi gli occhiali verdi. E riuscire così a scoprire che tutti i barattoli sono effettivamente di mille colori. Riuscendo a vedere mille colori rinasce davvero la speranza di poter dipingere diversamente la stanza. Ma non possiamo stare senza occhiali ed ogni tipo di occhiale, anche il più sofisticato, altera i colori … Anche il rosso più sfavillante sarà, poi, sempre, ideologicamente, rosso … Ed allora che fare? Impariamo a cambiare occhiali quando vogliamo vedere cose diverse. Ma, poi, come dipingiamo quella stanza? Inevitabilmente tutti insieme con occhiali diversi. Perché ognuno può portare un solo tipo di occhiali per volta. E per fare della stanza un capolavoro, sono necessari tutti i colori. Quando il dipinto a mille mani sarà finito potremmo vedere un miracolo che piacerà a tutti e che tutti potranno vederlo in modo sempre diverso. Basterà indossare gli occhiali degli altri e se ne scoprirà un bellezza diversa.
Allora il nostro programma è molto semplice. Apparirà forse banale e ininfluente: diffonderemo nuovi linguaggi ed attiveremo gruppi progettuali che li useranno per progettare i mille aspetti di una nuova società.
I linguaggi sono i modelli e le metafore che nell'ultimo secolo, provenendo sostanzialmente dalle scienze della natura, si sono aggiunti a quelli tipici della società industriale.
Il metodo con il quale li useremo sarà Sorgente Aperta …
Ma perché “balbettanti”? Perché nel progettare un nuovo mondo ci rendiamo conto che il primo esprimersi non sarà che un balbettio. E, perché “poietici”? Perché il balbettio dovrà essere fecondo. Si trasformerà certamente in storie che cominceranno ad essere vissute.
Allora anche questo manifesto è un balbettio poietico? Certamente. Speriamo di doverlo riscrivere al più presto meno balbettante e più fecondo.